Interview by Karel Van Der Auwera, journalist at Bruzz, Bruxelles 2015 

Ciò che Fabrizio Stenti voleva essere, è diventato. Ma l'ambiente in cui è cresciuto non gli ha facilitato le cose.

Venire a Bruxelles è stata una scelta strategica.

 

Fabrizio Stenti, architetto di interni, di passione è un 'artista. La sua opera è un concentrato di carta e legno, materiali scartati che trova per strada.

Il biglietto da visita parla da sé; un biglietto del tram riutilizzato con solo l'indirizzo del sito web.

 

Nel senso letterale del termine. Napoletano di origine, piccolo di statura ma grande di anima e cuore.

 

“Napoli, è traffico a senso unico. Quanto alle radici, quanto al pensiero. Da quando nasci vieni etichettato e messo in una scatola. Se sei un colore fuori dalle linee e non ci appartieni. Una cultura cresciuta con l'idea che lo stato è la loro madre, che qualcun altro deve prendersi cura di loro. Che non devono a stare in piedi da soli. Se qualcosa va storto, è sempre colpa di qualcun altro. Di conseguenza, l'intera società napoletana è permeata di comportamenti irresponsabili. Questo mi ha costretto a trovare un modo per sopravvivere.

Il giovane Fabrizio ha trovato quel modo di sopravvivere, di essere se stesso, nella creatività.

“Era stato in me fin dall'infanzia. Disegnare, modellare con l'argilla; creare cose con le mani. La scelta delle discipline umanistiche è stata coerente.

Studiare una regola e poi saltare fuori dalla linea: non seguendo la logica imposta, è stato quello che poi mi ha spinto a voler cambiare".

 

“Dopo il liceo artistico studia architettura, ma dopo la laurea non c'era molta opportunità per un giovane, se non quella di adattandosi a compromessi. Durante gli studi ho avuto differenti occasioni di essere circondato da persone più anziane, che non facevano carriera.

 Queste situazioni sono continuate fino ai 35 anni; Un'età alla quale una persona dovrebbe avere l'opportunità di svilupparsi appieno.

E mi sentivo male, volevo scoppiare. Adesso è il mio momento! perché non è possibile? perché? Così ho deciso di lasciare l'Italia per poter finalmente aprire le ali.  Non volevo più essere limitato dall'ambiente sottomesso a tempi altrui e adattarmi alle frustranti possibilità”.

 

Il lavaggio del cervello

Partito per l'estero nel 2007, con due lezioni in mente.

La prima lezione, colta da un professore: se un'opera ha bisogno di parole per spiegare di cosa si tratta, allora non è chiara e non funziona.

Lezione due: appresa dal modo di osservare: camminare ciecamente nel sistema di consumo porta a un'impronta ecologica irresponsabile.

Ho visto giorno dopo giorno come le persone buttavano via le cose per strada, senza pensarci. Utensili che ai loro occhi erano diventati superflui.

Perché troppo vecchi o danneggiati. Senza pensare alle conseguenze del loro agire per l'ambiente, e per se stessi. Sottoposti al lavaggio del cervello dal modello di consumo che induce a comprare sempre cose nuove, pulite, presumibilmente perfette, che porti ad una maggiore idea felicità imposta.

Stupido comportamento, non potevo più camminare alla cieca.

Mi chiedevo: perché non usare quel materiale, per creare qualcosa? Qualcosa con un valore, non importa quanto piccolo fosse, ma ridare valore.

Per dimostrare che le cose possono essere fatte diversamente e allo stesso tempo guadagnarsi da vivere? Dare valore a qualcosa che apparentemente non ne ha più? Rompere il cerchio ".

Dormire come un bambino

 

All'estero, Rotterdam, Monaco e poi Bruxelles.

 

“Venire a Bruxelles è stata una scelta strategica. Perché qui vive mio fratello con la sua famiglia e i suoi figli adorabili.

Per me è un supporto psicologico importante, in questo processo di ricerca.

La famiglia rimane incredibilmente importante per me. Questa è semplicemente la natura mediterranea, che non posso o non voglio negare.

Bruxelles, mi ha accolto dimostrando di essere la scelta giusta. Ho trovato qui una città aperta in termini di interazione sociale con persone provenienti dai quattro angoli del mondo. Completamente l'opposto di quello che ho dovuto sperimentare a Napoli. Se hai una mente aperta, è facile qui attraversare i confini della tua origine, sociale, etnica.. In un'atmosfera amichevole ".

Bruxelles ha un'altro punto in comune con Napoli, racconta.

Ci sono molto materiali abbandonati per strada, che lui vede come materiale grafico: carta, legno.

È il suo modo di dare vigore all'imperfezione in contraddizione con i valori consumistici di “perfezione” che la società impone.

 

“Nei primi anni ho lasciato che il mio lavoro parlasse da solo. Dei mosaici, dove la carta era tagliata in piccoli pezzi, che incastravo per creare un'illusione visiva. Costruivo paesaggi urbani; città viste dall'alto che ancora erano visualmente attaccate a gli studi da architetto. Napoli, Rotterdam, ed una rappresentazione del Golfo di Napoli, di circa 4.500 pezzi di carta. Un lavoro che richiede tempo. È come un mantra. Entrare in questa “zona”, e chiudere tutto il mondo fuori. Negli ultimi anni, mi sono allontanato da i mosaici, perché sentivo il rischio di rimanere bloccato ripetendo sempre le stesse cose. Senza negare la tecnica, ora i pezzi di carta sono ritagliati più grandi, grazie al quale immagini geometriche vengono create da forme e colori, arricchite poi dal disegno a matita”.

 

“Molte sono le ispirazioni che ho trovato nelle visuali di Bruxelles.

La ricchezza dell'Art Nouveau tra le altre cose. Gemme visive del panorama, che catturo con la macchina fotografica, un compagno inseparabile. ”

 

È l' arte che vedo, che mi consente di essere libero.

”Una barattolo di colla di sei euro ogni tre anni è sufficiente, per così dire, per provvedere al mio sostentamento. La creatività e l'inventiva fanno il resto.

E tutto questo semplicemente utilizzando oggetti che la società considera superflui. Sono ben consapevole di non aver scelto il percorso più semplice.

Ma è la mia strada, la mia libertà. Ciò dimostra che non bisogna necessariamente essere assorbito dal sistema.

Un sistema che tiene a mente una falsa illusione di libertà: camminare per cinque giorni nella corsa dei topi, acquistando due giorni di non lavoro. Falso conforto. Esattamente l'opposto della libertà.

Ho vinto la mia battaglia: ora non ho più paura di chi sono.

Non sono più stressato. Ogni volta che poso la testa sul cuscino, dormo come un bambino.”